mercoledì 25 febbraio 2009

poesia zeneize

tramonto a Riomazzo


o meistra o se giou de tramontann-a
e o ma, che primma o l'ea tutto pegoete,
oua o pa 'na ciassa d'arme dove
e raffeghe de vento s'arrubattan.

Poi, tutt'assemme, o ce o se spacca
e o me porze un tramonto ch'o pa
faeto de luxe d'ou ch'a vive
tremando in cimma a e case antighe

ch'en lì ammuggiae comme vegette
tutte abbrensuie che se riparan da-o vento fresco da buriann-a.

Da-a scuggea se sente ciammà un pescou
che, in barca, o l'é andaeto a sarpa i attressi primma
che a neutte-a mange o poco ciaeo che ghé arrestòu.

(Gigi Boero)


***
trad.
tramonto a Riomaggiore - Il maestrale si è girato di tramontana e il mare, che prima era tutto pecorelle, ora pare una piazza d'armi dove le raffiche di vento si avvoltolano. Poi, improvvisamente, il cielo si spacca e mi porge un tramonto che sembra fatto di luce d'oro che vive tremando al sommo delle case antiche, che sono lì, ammucchiate come vecchiette tutte rabbrividite che si riparano dal vento fresco della buriana. Dalla scogliera si sente chiamare un pescatore che, in barca, è andato a salpare gli attrezzi prima che la notte mangi il poco chiaro che è rimasto.

1 commento:

Masaghepensu ha detto...

Lo sai, non conoscevo ancora
Gigi Boero. Grazie per avermelo presentato......Mario