mercoledì 20 gennaio 2010

Bozza della canzone "anche inconsapevolmente

anche inconsapevolmente
vedi io mi rappresento
quindi onestamente
io non ce la faccio più
finger d'essere normale
che neppure m'interessa

è pazzia l'estrema sintesi
così lucida io mai

imprevedibile a me stessa
e divorzio dagli amici
figuriamoci da te
poi divorzio dalle idee
custodite dal passato
treno in corsa nel presente
non ci posso fare niente

e poi la definizione
mi va stretta come un laccio
cambio in continuazione
mentre osservo il passato

mi spaventa l'arrembaggio
di intuizioni sul futuro
così cambio anche i colori
che non indossavo mai

è tabacco avorio e malva
quasi stile coloniale
e mi piaccio spettinata
e mi piaccio con gli occhiali

è pazzia l'estrema sintesi
così lucida io mai

e se troppo chiaccherata
a testa alta vado già
perchè è dei giudicanti
il vero inferno... ehi, si sa.

è pazzia l'estrema sintesi
così lucida io mai.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Molto toccante! Mi piace e mi ci riconosco purtroppo con tutte le contraddizoni che ancora vivo nel quotidiano adesivo

Firmato un rotolo di scotch (ma non wisky)

Grazie